Carrello vuoto
Lunedì, 08 Gennaio 2018 15:32

La Casa dei Bambini

La scuola dell’infanzia nel metodo Montessori è abitualmente chiamata Casa dei Bambini.E in effetti l’ambiente sembra proprio quello di una casa i cui proprietari siano dei bambini tra i 3 e i 6 anni.

Nella classe i piccoli padroni di casa possono scegliere quale attività svolgere e quanto a lungo proseguirla, senza essere disturbati dall’adulto e protetti dall’intervento disturbatore degli altri compagni. L’adulto è preparato per presentare tutti i materiali e per fare lezioni sugli argomenti più importanti.
La classe nel corso dell’anno tende ad assumere atteggiamenti di concentrazione, rilassata attenzione, cura di sé e rispetto degli altri, processo che Maria Montessori chiamava normalizzazione, e che non è altro che il sorgere del carattere normale dell’essere umano che ha potuto sperimentare un trattamento amorevole e benevolo, a contatto con gli aspetti più interessanti dell’esperienza, che sono per tutti: le lettere, i numeri,

la natura, i rapporti fisici tra le cose del mondo, gli animali, gli altri esseri umani.
 
I bambini della Casa dei Bambini si dedicano con gioia ogni giorno, per circa due o tre ore:
 
• alle attività sensoriali: solidi, incastri, spolette, stoffe, pensate per lo sviluppo e l’affinamento delle sensazioni e delle impressioni in relazione alla lunghezza, il peso, il colore, ecc.
• alle attività di vita pratica: pulendo, lucidando, apparecchiando, lavando, che sono tutte attività che permettono di sviluppare la logica, il perseguimento dei propri obiettivi, il coordinamento, la cura di sé e dello spazio di vita e soprattutto favoriscono lo sviluppo di una mente ordinata che si focalizza sul processo a cui attende.
• alla matematica: attraverso la manipolazione di oggetti che favoriscono l’apprendimento della numerazione, del calcolo, delle proprietà dei numeri, delle forme geometriche e dei simboli e dei concetti matematici di base.
• al linguaggio: imparando a misurarsi con le lettere smerigliate, l’alfabetario mobile, i giochi linguistici, la compitazione, la scrittura e la lettura.
alle scienze umane e naturali: con gli incastri dei regni animali, i cassetti della botanica, le mappe ad incastro della geografia, e le lezioni all’aria aperta.

Letto 327 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Maria Montessori profeta di pace - L’educazione come pratica di liberazione e costruzione di pace Maria Montessori profeta di pace - L’educazione come pratica di liberazione e costruzione di pace

    Qual è il ruolo che l’educazione alla pace occupa all’interno del pensiero di Maria Montessori?

    L’educazione alla pace è motivo centrale del sistema educativo della dottoressa e quasi sua corona e fine ultimo, o è, invece, riverbero pedagogico di una delle tante prese di posizione di quella grande donna che lottava contro tutte le sopraffazioni della sua epoca? Quale contributo pacificatore può apportare l’educazione in seno alla società in cui viviamo? L’educazione montessori è ineludibilmente pacifista e irenetica?

  • Maria Montessori è veramente contraria al gioco? Maria Montessori è veramente contraria al gioco?

    Solo ad una lettura sommaria e superficiale si potrebbe pensare che Maria Montessori si fosse schierata contro il gioco infantile. I suoi detrattori si sono fatti quest’idea per il fatto che il gioco è relativamente poco presente nei suoi scritti e, quando lo è, viene presentato in forma critica.

  • MoMo 12 MoMo 12
  • MoMo 11 MoMo 11